Tra le onde di un mare in tempesta

“Esprimiamo il nostro dissenso verso questa non-politica che lascia morire popoli in fuga.”

Essere avvocati significa prendere parte.

A differenza dei giudici che devono  essere imparziali, gli avvocati guardano attraverso gli occhi di una parte.

Questo significa entrare nella pelle di un altro, ruotare la propria prospettiva.

L’Italia e l’Europa intera, viste dall’altra parte stanno dando un’immagine di civiltà di cui ci dobbiamo vergognare: la culla della civiltà, la patria della convivenza pacifica, non riesce ad esprimere i valori prima di tutto etici di accoglienza, inclusione, tolleranza.

Ancora oggi una notizia di un naufragio nel Mediterraneo, ancora un atterraggio da chi ha alle spalle guerra e persecuzione, nella balìa totale di una congerie di paesi che vorrebbero essere federazione di Stati, e non sanno nemmeno costruire un ponte comune per gente che affonda.

E per questo che noi di MGA, come cittadini adusi alla difesa dei diritti umani, esprimiamo il nostro dissenso verso questa non-politica dissennata, che si rimpalla competenze, che si inventa autonomamente soluzioni di filo spinato, e lascia morire popoli in fuga.

Questa volta dobbiamo scegliere di stare dall’altra parte.

Perché ad affondare in questo Mediterraneo diventato cimitero è per prima la nostra idea di civiltà e di cultura.

Sandra Paturzo (referente MGA per il foro di Torre Annunziata) per il

DIPARTIMENTO DIFESE D’UFFICIO E DIRITTI UMANI

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...