SVEGLIATI ITALIA: GLI AVVOCATI DI M.G.A. SOSTENGONO LE UNIONI CIVILI.

mga-vert-vert.jpg“Onorevoli Senatori. — Il presente disegno di legge disciplina l’istituto delle unioni civili, con una normativa complementare organica, che quindi non incide sul codice civile se non limitatamente alle disposizioni di coordinamento. L’unione civile definisce il rapporto tra da due persone maggiorenni, anche dello stesso sesso, che vogliano organizzare la loro vita in comune. La disciplina proposta, con uno statuto normativo flessibile e «leggero», intende fornire ai cittadini che scelgano forme non tradizionali di convivenza la necessaria tutela delle relative situazioni giuridiche soggettive, evitando così ogni forma di discriminazione ai loro danni. È infatti necessario dare un riconoscimento giuridico a una realtà così rilevante socialmente da non poter più essere ignorata dalla legge, evitando che la tutela di diritti fondamentali della persona sia lasciata all’alea di interpretazioni più o meno «evolutive», come se diritti e libertà dipendessero da concessioni giurisdizionali e non invece da riconoscimento di legge. La disciplina della pluralità delle forme della convivenza rappresenta infatti l’attuazione del dovere dello Stato di tutelare la libertà di realizzazione della persona nei suoi rapporti con gli altri (articolo 2 della Costituzione), non potendosi imporre la rigida alternativa tra il vincolo (sacramentale o legale) del matrimonio e l’assoluta irrilevanza giuridica delle forme di vita associata che da tale modello prescindano (soluzione obbligata, questa, per chi, come gli omosessuali, non possa sposarsi). In questo senso, il riconoscimento di forme plurali di convivenza, anziché violare, rafforza piuttosto il principio di cui all’articolo 29 della Costituzione, che nasceva non tanto per imporre un solo e cogente modello di convivenza, ma per limitare l’ingerenza statale sul terreno delle relazioni familiari, tipica delle politiche demografiche di regimi totalitari come quello fascista.

Il presente disegno di legge prevede criteri e modalità di estensione alle unioni civili dei diritti spettanti al nucleo familiare nei casi sanciti dalla legge, secondo criteri di parità di trattamento, in conformità al principio di cui all’articolo 3 della Costituzione.

Del resto, alla estensione dei diritti riconosciuti ai contraenti le unioni civili, corrisponde una parallela regolamentazione dei loro doveri e oneri. Ciò potrà garantire la necessaria tutela non soltanto ai figli, ma anche al contraente economicamente più debole nel caso di cessazione dell’unione civile, l’affidamento dei terzi in ordine alla situazione patrimoniale della coppia, la trasparenza dello stato giuridico delle parti.”

E’ la relazione al DDL Cirinna’, la cosiddetta legge sulle unioni civili.
In quanti la avranno letta?
Eppure e’ un documento importantissimo, che spoglia di ogni connotazione religiosa o ideologica la questione.
E la riporta, come ogni giurista dovrebbe essere capace di fare, nel recinto della Costituzione, e dei diritti civili.
Una democrazia non ha scelta. Lasciare privo di tutela cio’ che gia’ e’ al mondo, piaccia o non piaccia alle sentinelle di questa o quella morale; contravvenire al principio di uguaglianza di cui all’ art. 3 in nome di pregiudizi o di fedi, non e’ roba per un paese civile.
Gli avvocati di MGA sostengono il ddl Cirinna’; chiedono al Parlamento la sua immediata approvazione e il rigetto degli emendamenti defatigatori, leghisti e machisti presentati; chiedono che l’OUA voglia pronunciarsi sull’Argomento in rappresentanza dell’Avvocatura tutta (ma sono certi che nemmeno questa volta l’Organismo dara’ segni di esistenza in vita)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...