MGA: La difesa delle istituzioni democratiche e della pace è funzione propria dell’avvocatura

Il 16 gennaio alle 10,30 presso il Teatro Politeama di Palermo, si terrà una manifestazione dal titolo “Un ramoscello d’ulivo per la pace” con la partecipazione del Presidente dell’Ordine Nazionale degli Avvocati della Tunisia, Bâtonnier Mohamed Fadhel Mahfoudh, recentemente insignito del premio Nobel per la Pace quale componente del Tunisian National Dialogue Quartet.
Il riconoscimento è stato assegnato al Quartetto per il dialogo in ragione del «contributo offerto alla costruzione della democrazia dopo la rivoluzione dei gelsomini del 2011».
Il quartetto è formato da quattro organizzazioni della società civile: il sindacato generale dei lavoratori Ugtt, il sindacato patronale Utica, l’Ordine degli avvocati e la Lega Tunisina per i Diritti Umani.
Nato nell’estate del 2013, quando il processo di democratizzazione rischiava di frantumarsi per gli omicidi politici ed il reale rischio di una guerra civile, il Quartetto ha avviato un processo politico pacifico alternativo, rivelatosi determinante per consentire alla Tunisia di creare un sistema costituzionale di governo che garantisse i diritti fondamentali di un’intera popolazione.
La circostanza che del Quartetto, insignito di tale onorificenza, faccia parte il Presidente dell’Ordine degli Avvocati della Tunisia, evidenzia come la difesa delle istituzioni democratiche e della pace rientri, a pieno titolo, tra le funzioni proprie dell’Avvocatura.
M.G.A. è orgogliosa di essere stata invitata, dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, a partecipare alla cerimonia, contestualmente agli altri soggetti istituzionali ed associativi.
Nel congratularsi con l’Ordine Nazionale degli Avvocati di Tunisia e i Colleghi tunisini che hanno rappresentato e difeso, in un momento tanto difficile per il proprio Paese, i princìpi della democrazia, M.G.A. non può che condividere l’entusiasmo per questo straordinario riconoscimento, motivo di orgoglio per ogni Avvocato, di qualunque nazionalità.
La Mobilitazione Generale degli Avvocati, infatti, crede fortemente nella funzione politica e democratica dell’Avvocatura.
Ogni Avvocato, indossata la toga, ha l’obbligo morale e professionale di essere custode dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché guardiano della democrazia.
L’Avvocatura italiana, dunque, deve riappropriarsi di questa gravosa ed onorevole funzione, soprattutto in un delicato momento storico, come quello che sta attraversando il nostro Paese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...