E’ il momento di agire: Roma 24 aprile, manifestazione nazionale presso l’INPS!

#27F-vert

Equità previdenziale, sostenibilità fiscale, welfare universale: è il momento di agire! Il sistema previdenziale italiano introdotto dalla Legge 335/1995 è iniquo. Se ne sa poco, se ne parla quasi mai. Lo sanno o lo hanno intuito le lavoratrici e i lavoratori autonomi, i parasubordinati, i precari; comincia ormai a saperlo una generazione che non sarà in grado – causa l’intermittenza lavorativa, i bassi compensi, la disoccupazione per periodi lunghi – di accumulare un montante contributivo degno di questo nome. Iniquo come lo è il welfare, dissanguato dalle politiche neoliberali degli ultimi decenni, colpito a morte, o quasi, dall’austerity, sicuramente escludente per una parte importante della società: una coperta sempre più corta che lascia al freddo milioni di lavoratrici e di lavoratori, di professionisti e di precari, di studenti e di disoccupati. L’INPS incrocia molte storie, è bene raccontarle tutte. Quella di un sistema contributivo con piena coincidenza tra prestazione previdenziale ed importo contributivo individuale, con contributi rivalutati o svalutati in base alle variazioni del PIL. Quella di una Gestione separata con l’aliquota in crescita senza sosta (la riforma Fornero, anche per quest’anno sospesa, prevede l’aumento fino al 33%), mannaia per professionisti atipici e parasubordinati, ma anche per dottorandi e precari della ricerca. Quella di una DIS-COLL (indennità di disoccupazione per Co.co.co. e Co.co.pro.) introdotta dai decreti attuativi del Jobs Act e ancora lontana dall’essere erogata. Quella delle indennità per i tirocinanti del programma Garanzia giovani (rivolto a giovani disoccupati e NEET) per le quali, al pari della DIS-COLL, neanche un Euro è stato sbloccato. Tante storie che parlano di un mondo del lavoro, quello autonomo e parasubordinato, senza diritti; di generazioni escluse dal welfare. Di questo si è discusso nella densa assemblea nazionale della “Coalizione 27 febbraio” lo scorso sabato (14.03) a Roma, presso l’atelier autogestito Esc. Un momento di confronto come ne capitano di rado, in cui ci si è addentrati nel merito, con l’obiettivo di costruire una piattaforma rivendicativa e una mobilitazione capaci di invertire la tendenza; con l’obiettivo di un sistema fiscale e previdenziale compatibile con la vita, per riaffermare il principio secondo cui si lavora per produrre reddito, e non si può e non si deve avere una rendita per poter lavorare. Coscienti che la solidarietà intercategoriale e interprofessionale rappresenti lo strumento decisivo per poter affrontare e risolvere i problemi comuni, abbiamo lanciato la “Carovana dei diritti – Percorso di luoghi, parti e controparti”, che raggiungerà a tappe l’INPS e le Casse previdenziali delle professioni ordinistiche: l’espressione di un nuovo mutualismo che unisce tutti coloro che, fino ad oggi divisi, lavorano per la costruzione di una nuova e cosciente cultura del Diritto. È ora di alzare la testa, è giunto il momento di agire! Il 24 aprile dalle ore 9:30 ci incontreremo sotto la sede centrale dell’INPS, all’Eur, per raccontare le nostre storie ed incrociare le nostre lotte. Sarà lo Speakers’ Corner di tutt* coloro che si battono per una previdenza equa, una fiscalità sostenibile, un welfare universale. Cosa chiederemo il 24 aprile:

  • correttivi solidaristici al sistema contributivo;
  • sblocco immediato dei pagamenti della DIS-COLL;
  • sblocco immediato per le indennità dei tirocinanti iscritti al programma Garanzia giovani;
  • rivalutazione del montante contributivo, realisticamente conveniente, almeno parametrata al rendimento dei titoli di Stato
  • una “pensione minima di cittadinanza” indipendente dal montante contributivo accumulato;
  • un’aliquota della gestione separata effettivamente sostenibile; non solo il blocco degli aumenti previsto dalla riforma Fornero, ma l’avvio di un piano di riduzione sui parametri europei;
  • estensione universale del welfare (malattia, maternità, ammortizzatori sociali) e reddito di base.

Queste sono solo alcune delle nostre richieste. Le altre le scriverete voi che leggete e che, con tutti noi, darete vita alla mobilitazione del 24 aprile. Scrivete e inviateci (carovanadeidiritti@gmail.com), entro venerdì 10 aprile, le rivendicazioni da aggiungere: saranno inserite nella lettera aperta che invieremo al presidente Tito Boeri, chiedendogli di essere ricevuti il 24 aprile stesso.

Coalizione 27 febbraio

Annunci

Un pensiero su “E’ il momento di agire: Roma 24 aprile, manifestazione nazionale presso l’INPS!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...