#CONGRESSOFORDUMMIES EPISODIO 3- E TU, SEI UN QUOTISTA O UN ELETTIVO?

Complimenti! Con questo post sei arrivato alla puntata finale di #CongressoForDummies, la guida di MGA al Congresso Nazionale Forense!

Leggendo gli episodi precedenti
hai capito due cose fondamentali : 1) le decisioni del Congresso incidono pesantemente sulla tua vita professionale; 2) l’OUA è l’esecutore di quelle decisioni. Con questo post ti spiegherò cosa accadrà al prossimo Congresso Nazionale Forense, previsto dal 09 all’11 ottobre a Venezia.In laguna si scatenerà la Battaglia per la Rappresentanza.

Di cosa si tratta?

Proverò a spiegartelo semplificandoti le cose.

Da un lato ci sono i “quotisti”. Questi pensano che l’OUA non dovrebbe essere composta totalmente da membri eletti tra i delegati al Congresso.

La loro idea è che l’Organismo debba essere composto per due terzi da componenti dei Consigli degli Ordini e delle associazioni “maggiormente rappresentative” …

In altre parole, a ciascuna di queste realtà spetterebbe il diritto di indicare un certo numero – una quota, appunto- di membri all’interno dell’OUA. In questo modo, secondo i quotisti, l’Organismo sarebbe “realmente rappresentativo” di tutto il variegato mondo dell’avvocatura italiana.

L’idea delle quote non piace però agli “elettivi”. Secondo questo schieramento l’Organismo è chiamato a dare esecuzione alle direttive del Congresso, perciò è solo a questo che deve rispondere, non ad altre realtà.

E poi- dicono gli elettivi- perché ci devono essere membri di serie A e di serie B? Per la teoria del Marchese del Grillo? 😉

Ma soprattutto…con il sistema delle quote i membri democraticamente eletti sarebbero solo un terzo e quindi in costante minoranza!!!!

D’altro canto se un Consigliere di Ordine o un rappresentante di un’associazione vuole entrare a far parte dell’OUA puo’ tranquillamente candidarsi come gli altri.

E poi gli Ordini non hanno funzioni politiche, perché dovrebbero avere diritto ad influenzare le decisioni di un Organismo politico?

E le associazioni “maggiormente rappresentative”, se sono davvero tali, perché non affrontano le elezioni come tutte le altre?

Sia i quotisti che gli elettivi cercheranno di affermare le proprie idee presentando delle mozioni al Congresso di Venezia.

E noi di MGA? Da che parte stiamo?

Leggendo questo post, ti sarai reso conto che tifiamo per gli elettivi. Anzi, ti dirò di più. Siamo stati i primi a criticare le idee “quotiste”. Bei rompiballe, vero? 😉

La verità è che a noi piace la democrazia, ci piace scegliere chi debba rappresentarci. Ed anche se dovessimo essere minoritari, poco importa: l’importante è avere il diritto di provare a realizzare le proprie idee.

Per questo a Venezia, insieme a tante altre associazioni, ci batteremo per sostenere l’idea di una rappresentanza forense libera e democratica.

E tu? Da che parte stai?

Vuoi che sia una lobby di nominati a decidere del tuo futuro professionale?

Vuoi continuare a subire decisioni calate dall’alto?

Se hai risposto no, unisciti alla battaglia!

Partecipa al Congresso! Contatta i delegati del tuo Foro. Chiedigli come la pensano. Convincili a dire “NO” alle quote.

Solo la tua partecipazione consapevole alla politica forense può contribuire a migliorare le tue condizioni di lavoro.

AD MAIORA!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...